Competenza, comunicazione e empatia: ecco il Nursing nel terzo millennio

Solo negli ultimi anni il ruolo e l’importanza del Nursing per i pazienti con diagnosi di MICI/IBD hanno cominciato a essere valorizzati anche presso i “non addetti ai lavori”. L’opera dell’infermiere specializzato in IBD Caring ha così travalicato gli ambiti della comunità scientifica, grazie al dialogo proficuo con chi questi stessi pazienti segue a sua volta, ovvero famiglie e care giver e, finalmente, anche con chi cura e promuove l’informazione sulla salute.

Oggi vi proponiamo la testimonianza di tre professioniste dell’IBD nursing, in grado di guidarci alla scoperta di altrettanti, differenti ma complementari, aspetti della loro attività.

La Dr.ssa Arianna Luongo (IBD Nurse Ambulatorio MICI, Ospedale del Mare ASL Napoli 1 Centro) ci delinea il percorso con il paziente a partire dalla diagnosi e nelle fasi successive. L’intervista completa è sul nostro canale YouTube.

Il paziente viene presso il nostro ambulatorio, facciamo una visita in collaborazione tra medico e infermiere, affrontando tutti gli aspetti che riguardano la patologia.

Poi viene proposta la terapia, che soprattutto nei giovani, è una terapia biologica. Sicuramente preferiamo una terapia di tipo sottocutaneo, in modo che il paziente possa – per quanto possibile – mantenere la maggiore autonomia e indipendenza in modo da non impattare anche a livello lavorativo.

Successivamente, durante magari la terapia infusionale, si affrontano vari argomenti. Cerchiamo di mettere a proprio agio i pazienti, in modo tale che possano aprirsi e parlarci dei timori principali che li preoccupano: ad esempio sentirsi un peso per la propria famiglia e cercare di capire come essere autonomi per ridurre proprio il carico familiare. Ma anche integrarsi a livello sociale per quanto riguarda le uscite con gli amici, il semplice andare a mangiare una pizza fuori (…)

Poi, per quanto riguarda in particolare i ragazzi giovani, i problemi che noi riscontriamo maggiormente riguardano l’ambito sessuale, con il partner: spesso si sentono in imbarazzo, soprattutto se hanno delle patologie perianali o in caso di stomie; quindi, diamo consigli su come rendere l’intimità un momento di normalità.

Questo è appunto l’obbiettivo del nostro ambulatorio, rendere l’ambiente familiare e avere una convivenza serena con la patologia.

La Dr.ssa Debora Zaetta (IBD Nurse, Malattie Infiammatorie Gastrointestinali, Ospedale Santa Maria del Prato, Feltre) ha approfondito alcuni altri aspetti del counseling infermieristico nell’IBD, confermandone la sempre maggiore valorizzazione.
Sicuramente il counseling infermieristico è una parte importante del lavoro del IBD nurse. L’infermiere che segue il paziente con malattie infiammatorie croniche e intestinali passa molto tempo con lui e il paziente a sua volta tende a confidare le proprie preoccupazioni.  Il counselling consiste in un colloquio per aiutare il paziente in vari ambiti della presa in carico e delle cure, non va assolutamente a sostituire la visita medica ma a integrarla, mantenendo una sede adeguata, un tempo adeguato, comunicando con lui con un linguaggio più adatto possibile alle sue capacità di comprensione senza utilizzare dei termini medici troppo difficili (…)

Altri momenti importanti sono, ad esempio, con le nostre giovani donne con desiderio di gravidanza o in età fertile, nello spiegare a loro l’ereditarietà della malattia, la fertilità, i farmaci in relazione alla gravidanza, questo anche per far sì che le donne vivano al meglio questo momento importante e non si privino della possibilità, della speranza di diventare mamme. È molto importante poi chiarire al paziente qual è il meccanismo d’azione dei farmaci, cosa ci attendiamo dalla terapia, ma anche quali possono essere gli effetti avversi, per far sì che il paziente riesca a comunicarci tempestivamente eventuali segni di allarme.”

L’intervista completa è a questo link, sul nostro canale YouTube.

Il mosaico si completa con il contributo della Dr.ssa Greta Lorenzon (Study Coordinator, Infermiere di Ricerca, Azienda Ospedale Università di Padova) che ci ha delineato il ruolo e l’importanza delle società scientifiche e delle associazioni dei pazienti. Anche il suo contributo integrale è sul nostro canale YouTube

“Le società scientifiche sono da un lato un’entità depositaria del sapere medico, del sapere clinico. D’altro lato, abbiamo però le associazioni di pazienti che sono perfettamente consapevoli di quelli che sono i problemi della vita quotidiana dei pazienti con patologie infiammatorie croniche intestinali.

Quindi queste due entità è fondamentale mantengano una propria identità specifica e facciano forza proprio sulla loro specificità per identificare scopi comuni, progetti condivisi, volti alla stesura di linee guida nazionali, internazionali, percorsi diagnostico-terapeutici dedicati al paziente.

Al fine di creare dei piani di lavoro, dei tavoli di lavoro sistematici, permanenti, stabili nel tempo o ad hoc, a seconda delle necessità, per poter avere una visione a lungo termine e su un piano anche istituzionale, a vari livelli quindi di singolo ospedale, di azienda sanitaria locale, di regione, fino ad arrivare a piani ministeriali come di recente è avvenuto con la creazione del gruppo interparlamentare, dedicato proprio alle malattie infiammatorie croniche intestinali. 

D “I social network, hanno favorito la comunicazione e anche l’interazione medico-paziente, infermiere-paziente, tra i pazienti stessi e come?

 “Diciamo che oggi siamo molto fortunati perché abbiamo diversi strumenti, siamo appunto nell’ambito della telemedicina, dei social network, che ci permettono di rendere più veloce e agevole la comunicazione sia tra professionisti sanitari e pazienti, sia tra i pazienti stessi. Questo ce l’ha insegnato anche l’epoca del Covid, dove non era possibile recarsi di persona, a volte, per effettuare le visite ambulatoriali, e quindi questi strumenti sono diventati dei veri e propri strumenti di cura e non solo di relazione.

Dobbiamo però anche sapere dare il giusto peso a questi strumenti, dobbiamo ricordare sempre che questi non possono sostituire la visita medica in toto, ma devono essere appunto una fonte di aiuto, soprattutto per situazioni particolari, (…) lo strumento di telemedicina o il social network può aiutare nel rendere più veloce l’assistenza, ma non deve e non può sostituirsi alla relazione umana che rimane la base della cura stessa.”

 

Related Posts

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.