BIODIVERSITA’: un patrimonio prezioso, da difendere ogni giorno. Ma sappiamo davvero perchè?

Non ci stanchiamo di sottolineare i benefici della dieta mediterranea per la salute e spesso ne abbiamo approfondito caratteristiche e benefici nelle nostre news dedicate alla salute alimentare. Una delle sue caratteristiche più importanti è sicuramente rappresentata dalla varietà dei cibi che ne sono alla base, permettendo una altrettanto vasta gastronomia di ricette e preparazioni .

Una varietà che, oltre a renderla gustosa e gradita a ogni età, è una delle principali ragioni che la rendono così preziosa per la salute del nostro organismo, al punto di essere riconosciuta, già undici anni fa, Patrimonio Mondiale Intangibile dell’Umanità” dall’UNESCO. Sappiamo infatti come il nostro microbiota  sia influenzato positivamente, oltrechè dalla qualità, dalla stessa diversificazione degli alimenti, tale da assicurarci un’equilibrata miscela di macro e micronutrienti.

Ed è all’ambiente mediterraneo, specificamente a quello della nostra penisola, che dobbiamo un’alternanza così ricca di nutrienti. Un ambiente che per le particolari caratteristiche climatiche ha, da sempre, favorito la biodiversità, ovvero la forte diversificazione delle varietà vegetali e animali che costituiscono le fonti alimentari fondamentali delle popolazioni umane.

Sulla ricca e preziosa biodiversità della nostra Italia o meglio, sui dati che rendono speciale il patrimonio agro-faunistico italiano, da circa un mese circola in rete un post “che dà i numeri“. Eccone il testo, come riportato dal sito “anti-bufale” BUTAC

“L’Italia occupa lo 0,5% della Terra, e ci vive lo 0,83% dell’umanità.
Le condizioni bio climatiche sono uniche al mondo, permette alla penisola di essere la prima nazione al mondo per biodiversità:
▪ 7.000 differenti vegetali, segue il Brasile con 3.000
▪ 58.000 specie di animali, segue la Cina con 20.000
▪ 1.800 vitigni spontanei da uva, segue la Francia con 200
▪ 997 tipi di mele, in tutto il mondo ne esistono 1.227
▪ 140 tipi di grano, seguono gli USA con 6

L’Italia possiede il 70% del patrimonio artistico e umano, il rimanente 30% è sparso in tutto il resto del pianeta.”

Lo stesso sito “mette i puntini” dove occorrrono, rettificando cifre e percentuali secondo i dati oggettivi disponibili, eccone la replica:

 L’Italia occupa lo 0,2 della Terra e non lo 0,5: ha una superficie di circa 300mila km quadrati, mentre la Terra è circa 150 milioni di km quadrati. In compenso è vero che ci vive circa lo 0,80% dell’umanità.

Le specie vegetali: nel mondo si contano circa 350.000 differenti specie vegetali; è vero, in Italia ne abbiamo circa 7600 (e non lo dico io, ma il Ministero dell’ambiente) ma quelle proprie del nostro territorio sono poco più di un migliaio. E considerando quante ce ne sono nel mondo è facile che ci siano paesi che abbiano tante specie autoctone quante ne abbiamo noi.

La stessa cosa vale per le specie animali, quelle tipicamente italiane sono circa cinquemila, le altre sono specie introdotte nel nostro paese negli anni, ma non originarie di qui; resta vero che superano le cinquantamila specie diverse (anche se il numero appare insulso, visto che viene classificata la presenza di una specie animale anche se se ne trova solo un esemplare). In Italia ci saranno pure oltre cinquantamila specie diverse, ma si stima che nel mondo ce ne siano più di otto milioni, mica bazzecole.

Sui vitigni invece occorre spiegare qualcosa. Nel mondo esistono circa cinquemila cultivar di vitigni, in Italia quelli diffusi sono circa duecento, esattamente come in Francia, ma ne saranno presenti di più? Sicuramente, anche se il fatto che arrivino per davvero a 1800 mi pare un’esagerazione bella e buona, ma anche fosse vero i vitigni che si usano per la produzione e la vendita di vino e di uva sono sempre tra quei circa duecento suddetti.

Sulle mele si racconta un po’ di fuffa più pesante, visto che nel mondo sono identificati circa 7500 tipi diversi di mele; è vero che in Italia ne coltiviamo circa duemila, ma lo stesso si può dire per tanti altri paesi.

Centoquaranta tipi di grano? E negli Stati Uniti solo sei? Ma scusate, il grano da qualche anno si classifica,secondo lo studio di Van Slageren in sei gruppi, quindi i tipi di grano possibile sono sei, tutte le altre sono sottospecie. Da dove salterebbero fuori i centoquaranta tipi di grano presenti in Italia? Non è che si tratta delle stesse sei famiglie e dei loro cultivar? Allora anche negli Stati Uniti andrebbero rifatti i conti, no?…”

Un bell’esempio di controinformazione “anti bufala” che, al di là dei numeri – sempre importanti – sottolinea come sia importante soffermarsi sul perchè la biodiversità è così importante e riguardi ogni aspetto della nostra vita sul pianeta, a partire dalle fonti alimentari. Ma in quali condizioni è il nostro patrimonio di biodiversità ambientale e, conseguentemente, alimentare?

L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) compie un prezioso lavoro di ricognizione sul territorio, aggregando dati e monitorando la situazione dell’ambiente naturale, proponendoci quindi un quadro molto completo della “salute ambientale” del nostro paese.

L’Italia, oltre a essere tra i Paesi europei con maggior ricchezza floristica e faunistica, è caratterizzata da elevatissimi tassi di endemismo, ovvero dalla presenza di specie che vivono solo all’interno dei confini italiani. Gli elevati numeri di specie esclusive del nostro Paese comportano una grande responsabilità in termini di conservazione per l’Italia. Basti pensare che per la flora vascolare si raggiungono percentuali di endemismo superiori al 16%, essendo note ad oggi 1.371 specie e sottospecie endemiche italiane o subendemiche (Italia e Corsica e Italia e Malta). Inoltre è endemico o subendemico del territorio italiano il 20% delle specie animali terrestri e d’acqua dolce…”

Un quadro eccezionalmente ricco, ma che vede anche la presenza di notevoli rischi di impoverimento, iper-sfruttamento e conseguente sparizione di preziose specie animali e vegetali. Per questo sono attive le cosiddette Liste Rosse che sottolineano i rischi e le minacce ambientali più gravi. Minacce che ci riguardano, come abbiamo visto, molto da vicino e che, un po’ prosaicamente, possiamo affermare “ci cadono nel piatto” ogni giorno.

Suonano quindi campanelli di allarme. L’ultimo dei quali vede mobilitarsi i direttori di oltre 200 tra le maggiori riviste scientifiche del mondo. I responsabili di testate prestigiose, che abbracciano tematicheche vanno dalla botanica alla geologia, dalle scienze naturali alla biologia, hanno dichiarato nello scorso settembre in un editoriale (condiviso in tutte le edizioni e diffuso in oltre 30 lingue differenti) che “Avere a disposizione ecosistemi prosperi – aggiunge l’editoriale – è essenziale per la salute umana. La distruzione generalizzata della natura, in particolare in termini habitat e di specie viventi, compromette la sicurezza idrica e alimentare, aumentando il rischio di pandemie”. 

 

 

 

 

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.