Salutare, inclusivo, formativo: i grandi valori e i (molti) benefici dello Sport sottolineati dai risultati di Olimpiadi e Paralimpiadi. Con qualche domanda sul futuro.

Un’estate “magica” come è stata definita, con i molti trionfi dello sport italiano sui diversi palcoscenici internazionali, Tokyo in particolare. Ma, spente le luci dell’attualità, che riflessioni suggerisce il “dopo-Olimpiadi e Paralimpiadi”?

Quaranta medaglie vinte dalla spedizione azzurra alle Olimpiadi di Tokyo appena concluse sono ancora negli occhi di tutti noi. Ma le sessantanove conquistate dagli italiani in gara nelle paralimpiadi svoltesi subito dopo, rischiano di passare inosservate. O almeno hanno avuto clamorosamente meno spazio rispetto a quelle dei connazionali normodotati” Ne ha parlato, in una lunga intervista a Il Tempo, il Prof. Emmanuele Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro- Internazionale e uno dei grandi «sponsor» del Comitato Paralimpico.

Sessantanove storie di cui non ci si è degnati di rendere nota. Sono storie di persone – continua il professor Emanuele – che hanno due avversari: quello che portano dentro e che la vita li ha costretti ad affrontare e l’avversario sportivo. A nessuno di loro però è stato dato modo di raccontare la vita di sacrifici, privazioni e amarezza che li ha portati fino a dove sono arrivati” una vita, aggiungiamo, che è il migliore esempio di come lo sport e la sua pratica siano decisivi per l’equilibrio psico-fisico della persona e quindi per la nostra salute.

Se si riuscisse a dare a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico avremmo trovato la strada per la salute” era infatti una delle frasi più significative del padre della Medicina, Ippocrate di Kos.

Il diritto allo sport è quindi uno dei fattori fondamentali per lo sviluppo e lo stato di salute di ogni individuo, ogni persona, a prescindere dal suo stato, sesso, età e condizione, che desideri praticare una disciplina sportiva. In campo semplicemente amatoriale o con velleità agonistiche, naturalmente.

Spero che, una volta spenti i riflettori, rimanga la testimonianza di quanto c’è da fare ancora per garantire lo sport in questo Paese alle persone, abili o disabili che siano, quanto c’è da fare ancora per garantire loro le pari opportunità nell’accesso al diritto allo sport, per capire che bisogna investire nello sport per il riconoscimento del diritto di cittadinanza alle persone disabili. Questa è la cosa a cui noi teniamo maggiormente” così il presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli in occasione del ricevimento al Quirinale degli atleti vincitori di medaglie a Tokio. Un auspicio che però appare ancora lontano dai fatti.

Particolarmente significativa al riguardo la conclusione dell’intervista al Prof. Emanuele “…non critico nessuno ma Luca Pancalli, presidente del CIP, merita un plauso particolare. Ex atleta, diventato paralimpico a causa di una caduta, con umanità, perseveranza, onestà intellettuale…porta avanti il mondo paralimpico, che nel nostro paese viene visto come un emarginato: non ci sono nemmeno le manifestazioni affettive…”

Purtroppo, anche il valore dei premi legati alle medaglie, sono diversi, come chiarisce ancora il Prof. EmanueleAgli atleti normodotati – chiude con rammarico ìl Professore – vanno 180 mila per un oro, 90 per l’argento e 60 per il bronzo. Mentre invece i paralimpici meritano meno, evidentemente, e prendono meno della metà: 75 mila euro per un oro, all’ argento 45 e al bronzo solo 25 mila. Sono cose che lasciano senza parole.”

Uno “Sport a due velocità” quindi, come titola il giornale romano, che deve presto trovare il giusto punto di equilibrio per offrire pari opportunità – e pari attenzione – a ogni atleta meritevole. Nel segno dell’auspicio di Luca Pancani ” Dalle medaglie nasca un’Italia migliore“.

 

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.