“Superfood”seconda puntata. Italiani e bacche di Goji: un amore che conquista il mercato. Anche la salute?

Non solo pasta, olio e passata: gli italiani a tavola sono grandi amanti di superfood, in particolare di bacche di Goji. Un’ampia indagine Nielsen evidenziava già anni fa che i nostri connazionali sono addirittura i primi in Europa per il consumo di questo super food: il 16% degli intervistati dichiarava di consumarli regolarmente – rispetto al 6% in Germania, Spagna e Gran Bretagna (pre_Brexit!). Non solo: la stessa indagine fotografava che gli italiani convinti dei grandi benefici delle bacche di Goji fossero ben sette su dieci.

D’altra parte, l’attenzione a una tavola più sana è una tendenza che non accenna a rallentare, e la pandemia stessa ha modificato le abitudini alimentari, portando quasi 1 italiano su 2 a mangiare meglio. Lo conferma il recentissimo Rapporto COOP 2021, pur evidenziando come tra i cibi più venduti negli scaffali la crescita più alta l’abbiano avuta gli insaccati, non proprio simbolo di healthy food. Ma partiamo dall’inizio!

Bacche di Goji: di cosa parliamo

Le bacche di Goji sono il frutto di un arbusto spontaneo, chiamato Lycium barbarum, che appartiene alla famiglia della Solanacee – come melanzane e peperoni. Sono largamente utilizzate da millenni in Asia, Cina, Tibet e Mongolia in particolare, ma l’origine della pianta potrebbe risalire proprio al nostro Mediterraneo. Presso gli scavi di Pompei, racconta il promotore di una filiera tutta italiana di Goji “fu rinvenuta l’ampolla di un farmacista dell’epoca, risalente a più di 2.000 anni fa, con la scritta Lykion: il Goji si utilizzava come collirio”. Non solo: il nome stesso della pianta di Goji sembra provenire dalla Licia, tra Turchia e Grecia.

Come per molti superfood, l’offerta sul mercato viene in gran parte da produzioni estere, ma va osservato che negli ultimi anni sono molto numerosi i produttori italiani, soprattutto piccoli e nel Sud Italia, la Piana di Sibari in particolare, che hanno avviato la produzione e la distribuzione di bacche di Goji.

Quali sono i benefici delle bacche di Goji

Ma in che termini le bacche di Goji sono “assurte” al rango di superfood? Nella prima puntata dei nostri articoli dedicata ai superfood, il Dr. Emanuele Rinninella (Dirigente Medico, UOC Nutrizione Clinica, Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCSS), ci ha aiutato a capire meglio di cosa si tratta e di come sia lo stile alimentare corretto, più che il singolo alimento, ad apportare i giusti benefici al nostro organismo.

La rete è molto ricca di informazioni sulle bacche di Goji. Il sito Personal Trainer, molto spesso ai primi posti nelle ricerche in tema salute, dedica alle Goji un articolo molto approfondito, sottolineando che all’esame del profilo nutrizionale “sembrano svolgere principalmente le funzioni:

  • Antiossidante
  • Anti aging (antinvecchiamento)
  • Antitumorale
  • Protettiva nei confronti di alcune malattie del ricambio (ipercolesterolemiaiperglicemiaipertrigliceridemiaipertensione, sindrome metabolica ecc)”.

Ma prosegue:

Benché si tratti di un alimento estremamente ricco (ma non per questo “miracoloso”), rammentiamo che le bacche di Goji reperibili in commercio sono prevalentemente in forma disidratata o in polvere. Tale precisazione è a dir poco essenziale, poiché alcuni dei nutrienti già menzionati subiscono negativamente l’effetto “dell’invecchiamento alimentare”. In particolare, essiccando le bacche, esponendole alla luce, all’ossigeno e conservandole per lungo tempo, avviene una notevole decurtazione di acidi grassi polinsaturi, di vitamina E e di vitamina C (ma non solo), che tendono ad ossidarsi perdendo la propria funzione metabolica”.

In conclusione, prosegue l’articolo:

Non vi è alcuna prova attendibile a sostegno dei presunti benefici per la salute delle bacche di Goji.
La maggior parte delle ricerche a riguardo sono di piccole dimensioni, di scarsa qualità, in vitro  o su cavie, e hanno preso in oggetto gli estratti purificati altamente concentrati dei frutti
”.

Green Me, blockbuster della rete in tema di alimentazione e molto amato dagli utenti cosiddetti “salutisti”, dedica ampio spazio alle bacche di Goji, con un paragrafo dedicato alle controindicazioni:

“Le bacche di goji non sono esenti da controindicazioni. Le situazioni in cui prestare più attenzione sono quelle in cui si assumono farmaci anticoagulanti o per tenere a bada l’ipertensione dato che alcuni principi attivi di questi frutti rossi potrebbero andare ad interferire con le medicine. Anche in caso di diabete meglio chiedere il parere del proprio medico.

Visto che non esistono studi a proposito è bene evitare l’assunzione quotidiana in caso di gravidanza e allattamento. Attenzione infine al possibile effetto allergizzante, le bacche di goji fanno parte delle solanacee”.

Chiediamo a questo punto al dr. Emanuele Rinninella (Dirigente Medico, UOC Nutrizione Clinica, Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCSS), di aiutarci a focalizzare meglio i benefici legati alle bacche di Goji e i consigli su come e quando integrarli nella nostra alimentazione quotidiana.

La componente attiva delle bacche di Goji è essenzialmente data dai suoi polisaccaridi (LBPs) ai quali sono state riconosciute (da studi in vitro e sul modello animale) molteplici attività farmacologiche tra cui funzioni antiossidanti ed antiaging. In alcuni modelli in vitro sembra addirittura che tali componenti abbiano attività antitumorale e immunostimolante. L’effetto sulla salute potrebbe manifestarsi su diversi organi e apparati, dal sistema nervoso centrale all’apparato cardiovascolare, attraverso un meccanismo anti-infiammatorio e di miglioramento della sensibilità all’insulina. Allo stesso modo le bacche di Goji sono ricche di polifenoli antiossidanti, vitamina C e ferro. Molto interessante il ruolo prebiotico delle bacche di Goji. Diversi studi sottolineano come LBPs stimolino la crescita di batteri ritenuti probiotici (L.acidophilus e B.longum) migliorando in generale l’omeostasi intestinale. E’ probabile che l’effetto benefico dipenda anche da questa modulazione positiva sull’ecosistema intestinale.

Diversi studi clinici confermano come il consumo periodico di bacche di Goji sia in effetti associato ad un migliore stato di benessere generale ed efficienza del sistema immunitario. La maggior parte di questi studi tuttavia utilizzano estratti del frutto corrispondenti a 150 g al giorno di prodotto intero (quantità ben lontane dalle dosi consumate come porzioni standard di frutta secca). Rimane dunque da capire quale sia la dose e la formulazione giusta. Altro limite è l’impossibilità di stimare quanti delle componenti attive (LBP, polifenoli o vitamine) rimangano nell’alimento comprato dal consumatore. Nessuna etichetta infatti certifica il contenuto di componenti attive  contenuti nelle bacche. 

Sono state inoltre segnalate reazioni allergiche, con alcuni casi di shock anafilattico, in persone affette da allergia a LTP (lipid transfer protein), una proteina della buccia di pesca, ma presente anche in altri frutti.

Tirando le fila, non esistono evidenze scientifiche forti tali da proporre le bacche di Goji come prodotto nutraceutico in quantità efficaci e sicure. Un uso abituale, ma solo nel contesto di uno stile alimentare corretto, potrebbe contribuire a migliorare lo stato di salute, al netto di una certa attenzione ai soggetti allergici.”

 

Leggi anche: i benefici dei semi di Chia

 

 

 

 

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.