Superfood: esistono poi davvero? Conosciamoli meglio: oggi parliamo dei semi di Chia

Estate: ottimo periodo per un programma alimentare sano (e leggero), in grado di fornirci i nutrienti più appropriati per la nostra età e condizione, nonché anche adatti al nostro stile di vita (attivo, sportivo, sedentario etc).

Spesso in estate capita di costruirsi una dieta “fai da te” (quasi sempre sconsigliabile: il parere del Medico Nutrizionista è insostituibile e necessario per non rischiare i problemi, anche gravi, di una dieta “sbilanciata”).

In questo percorso ci si può imbattere nel termine “superfood“. Sebbene il termine non sia nuovo (in realtà è stato usato per decenni) molte persone non sono ancora del tutto sicure di cosa significhi. Cerchiamo di fare chiarezza.

In effetti, quasi tutti consumiamo almeno un superfood al giorno. Quindi, cosa sono esattamente? Lo abbiamo chiesto al Dr. Emanuele Rinninella (Dirigente Medico, UOC Nutrizione Clinica, Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCSS), ecco la sua definizione ”Il termine “superfood” è una trovata pubblicitaria per sponsorizzare come fortemente salubri alcuni cibi che possono naturalmente portare dei benefici in termini di salute, all’interno di uno stile di vita bilanciato. Intendiamoci, tali alimenti possono realmente far bene, ma non sono “super” di per sè. È lo stile alimentare corretto e personalizzato alle nostre esigenze, non tanto il singolo alimento, ad apportare i giusti benefici al nostro organismo.”

Sulle tracce dei superfood è molto facile imbattersi in alcuni alimenti “esotici”, che in effetti mostrano, dal punto di vista nutrizionale, un profilo particolarmente interessante. È il caso dei semi di Chia: vediamo di conoscerli meglio grazie al profilo che ne propone Riza.it

“I semi di chia sono i semi di una pianta, la Salvia hispanica, che appartiene alle Lamiacee, la stessa della menta, della lavanda e della salvia comune. Fanno parte dei superfood, alimenti che hanno un contenuto di sostanze preziose per la salute, come vitamine, sali, enzimi, antiossidanti, fibre (ecc…) superiore alla media dei cibi. Per esempio, a parità di peso, questi semi hanno un contenuto maggiore di Omega-3 rispetto al salmone, e di calcio rispetto al latte, e già questo basta a renderli un superfood…”

Necessario approfondire sul piano dei benefici e delle qualità nutrizionali: a questo proposito riportiamo uno stralcio di un articolo dal titolo decisamente intrigante, “La top ten dei benefici dei semi di chia sulla salute:“…sono piccoli semi scuri ricavati dalla Salvia hispanica, una pianta della famiglia delle Lamiaceae. Ricchi di sali minerali, vitamine e acidi grassi, sono conosciuti e usati  in centro e sud America da millenni. La fama dei semi di chia si sta diffondendo sempre più a causa delle loro proprietà sorprendenti. Scopriamo la top ten dei benefici più importanti per la salute umana…”

E allora ecco la TOP TEN proposta, punto per punto (necessariamente sintetizzata per i nostri lettori)

  1. Ricchi di fibra

I semi di Chia sono ricchi di fibre, una porzione di due cucchiai fornisce 9,6 grammi di fibre pari al 38% del fabbisogno giornaliero. Mangiare la quantità raccomandata di fibre può aiutare a ridurre il rischio di stipsi, colesterolo alto, malattie cardiache e obesità, nonché aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue.

  1. Ricchi di acidi grassi Omega-3

Questi piccoli semi sono anche una fonte di acidi grassi omega-3, fondamentali per mantenere sano il tuo cuore e il cervello.

  1. Contengono Niacina e tiamina

Una porzione di 2 cucchiai di semi di chia fornisce il 12 per cento del fabbisogno giornaliero di niacina e tiamina. Queste vitamine del gruppo B sono importanti per trasformare il cibo che mangiamo in energia e far si che il cervello e il sistema nervoso funzioni in maniera corretta.

  1. Fonte di selenio

Il selenio è un minerale antiossidante utile per limitare i danni alle cellule causati dai radicali liberi e per aiutare l’organismo ad assorbire la vitamina E. Una porzione di semi di chia contiene 15,5 microgrammi di selenio o il 22% del fabbisogno giornaliero.

  1. Ricchi di ferro

Per la formazione di nuovi globuli rossi e per permettere che questi trasportino ossigeno in tutto il corpo, hai bisogno di ferro. Due cucchiai di semi di chia forniscono 2,2 milligrammi di ferro, pari al 12% del fabbisogno giornaliero.

  1. Contengono calcio

Il calcio aiuta nella costruzione di ossa forti ed è utile per i nervi, i muscoli e la coagulazione del sangue. Una porzione di semi di chia contiene 176,7 milligrammi di calcio, cioè il 18% del fabbisogno giornaliero del minerale.

  1. Fonte di Manganese

Il manganese è un minerale indispensabile per metabolizzare i carboidrati, partecipa alla formazione delle ossa e alla rigenerazione dei globuli rossi.

Una porzione di semi di chia pari a 2 cucchiai contiene 0,8 milligrammi di manganese, ovvero il 38% per cento del fabbisogno giornaliero.

  1. Forniscono fosforo

L’organismo ha bisogno di fosforo per la formazione del DNA, fortifica le ossa e aiuta ad immagazzinare energia. Una porzione di semi di Chia fornisce 240,8 milligrammi di fosforo, cioè il 24%  del fabbisogno giornaliero.

  1. Fonte di magnesio

Il magnesio è un minerale importante per il corretto metabolismo, per i muscoli e per la funzione nervosa. Una porzione di semi di chia contiene 98,3 milligrammi, o il 23% del fabbisogno giornaliero.

  1. Contengono rame

L’organismo ha bisogno di rame per mantenere in salute e forti i nervi, le ossa e i globuli rossi. Con una porzione di semi di chia si ottengono 0,3 milligrammi di rame, pari al 13% della dose giornaliera consigliata.

Al Dott. Rinninella chiediamo a questo punto di darci il suo commento su questa ampia gamma di benefici dei semi di CHIA, ascoltiamolo “Se andiamo a consultare la tabella nutrizionale dei semi di Chia, notiamo come la quasi totalità dei carboidrati presenti in questo alimento siano costituiti da fibra alimentare. Ciò li rende molto interessanti per la corretta funzionalità di un intestino sano. Altro dato molto importante è la composizione lipidica del seme, in cui la quota maggiore è data da acidi grassi polinsaturi (PUFA) con un elevato rapporto tra quelli della serie Omega 3 (acido alfa linolenico, ALA) e quelli della serie Omega 6. All’interno di una dieta sana, in grado di mantenere questo rapporto alto, ciò contribuisce a ridurre lo stress ossidativo (infiammatorio) su membrane cellulari e pareti dei vasi sanguigni e a migliorare il profilo lipidico generale.

Importante è anche il contributo di oligoelementi e minerali quali selenio, manganese, ferro, fosforo e magnesio – completa il Dr. Rinninella – per gli effetti già citati. Attenti però a fare di questo alimento (così come di tutti i superfood) una panacea! Ricordiamo che una porzione standard giornaliera equivale a circa 30 grammi (2 cucchiai circa) mentre spesso i valori delle tabelle nutrizionali sono riportati per 100 g (ben lontani, dunque, dal nostro consumo giornaliero). I PUFA Omega 3 dei semi sono presenti in forma di precursori (non ancora attivi) degli acidi grassi Omega 3 realmente utili al nostro organismo, quali EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), presenti invece in grandi quantità nel pesce grasso. Il ferro presente nei semi non è ha la stessa biodisponibilità di quello presente nella carne rossa (ferro eme).

Ammesso dunque che l’alimento finale che arriva sulle nostre tavole abbia le stesse caratteristiche nutrizionali di quello originale (spesso tali alimenti arrivano da paesi lontani e la filiera di produzione e trasporto non è sempre verificabile), tali cibi non sono da considerarsi come degli “integratori” alimentari.

Il concetto di salute è poi sempre collegato a quello di malattia. Molte persone soffrono di diverticoli, colite o altre condizioni gastrointestinali per cui non sempre questo alimento risulta salutare. Attenti, dunque, a mitizzare questi cibi come “super” e salubri per tutti. Lo stile alimentare, se si intende come “salutare”, deve essere sempre personalizzato e guidato da un professionista della sanità.

Prendiamo quindi buona nota di quanto ci ha chiarito il Dott. Rinninella, che ringraziamo per le sue “istruzioni per l’uso”.

Quando comprate un alimento, di qualsiasi tipo, leggete con attenzione tutto quello che è specificato in termini di provenienza, modalità di coltivazione e data di scadenza.

Il successo di alcune mode alimentari ha infatti favorito una miriade di proposte presenti in ogni tipologia di canale di vendita (internet in primo luogo) per i quali è necessario un attento controllo da parte dell’utilizzatore finale.

In ultimo, consideriamo che – nella maggioranza dei casi – si tratta di prodotti provenienti da paesi lontani, non certo quindi a “km zero” di cui quindi il costo ambientale dovrebbe avere un adeguato corrispettivo sul piano dei benefici per chi ne consuma.

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.