Cresce la richiesta di verdura e frutta biologica durante la pandemia: stiamo imparando a nutrirci meglio?

La prima risposta è un sì: in quarantena gli italiani hanno consumato a casa più verdura e frutta, in particolare biologica, come registrano i dati sui consumi che mostrano in questo settore un incoraggiante segno positivo del 14% (fonte Il Sole 24 Ore) 

Una tendenza che viene da lontano, una spinta verso un’alimentazione al contempo sana e sostenibile, molto ben fotografata da questo articolo di Terra e Vita che ne rintraccia la motivazione di fondo “nei consumatori è cresciuta la consapevolezza che una giusta alimentazione sia lo strumento più adeguato per prevenire e gestire disfunzioni fisiche come l’eccesso di colesterolo, l’ipertensione, il diabete e l’obesità”.

Su questo tema, così importante per la salute e la vita nel suo complesso, abbiamo chiesto un intervento alla Dott.ssa Cristina Mele (Direttore UOSA di Nutrizione Avanzata in Oncologia Pol. Gemelli IRCCS)

La percezione che qualcosa sia radicalmente cambiato nella scelta degli alimenti da riporre nel carrello della spesa viene dall’analisi delle anamnesi alimentari di coloro che, per differenti necessità cliniche, si recano in ospedale in un ambulatorio di Nutrizione.

Infatti, soprattutto tra le nuove generazioni, si assiste ad una ricerca più consapevole su come comporre ogni pasto della giornata, non tanto in termini di “calorie” come accadeva molti anni fa (con le  Aziende Agro alimentari che hanno per questo sviluppato prodotti “light”, ipocalorici, ipolipidici, a basso contenuto di colesterolo, bevande a “zero calorie”, prodotti da forno infarciti di edulcoranti, conservanti  ed aromi naturali, che possono modificare profondamente l’eubiosi del microbiota intestinale) ma prestando estrema  attenzione alla qualità delle materie prime, sia vegetali sia animali, alle modalità di coltivazione ed allevamento ed al “viaggio” degli alimenti dal produttore al consumatore finale.

Grazie anche alla diffusione delle “cucine etniche” ed alla generale propensione per i viaggi internazionali è notevolmente migliorata la conoscenza delle materie prime che costituiscono la base della dieta Mediterranea, soprattutto cereali e “pseudocereali”: fino a qualche anno fa era impensabile prescrivere una dieta priva di glutine inserendo alimenti come il miglio, la quinoa, l’amaranto, totalmente sconosciuti ai più ed assolutamente introvabili nella grande distribuzione.

Oggi esistono forum in cui si scambiano ricette di pane aglutinato fatto in casa, di piadine a base di farina di grano saraceno e di quinoa e di timballi a base di pasta confezionata con farina di ceci o di lenticchie rosse. Naturalmente sono stati ancora una volta i consumatori, diventati più colti e consapevoli, ad orientare la grande distribuzione che ha riconvertito la produzione, mettendo così a disposizione delle grandi catene di supermercati interi scaffali di prodotti biologici, di farine dall’integrale alla doppio zero, passando per la riscoperta dei grani antichi, i cui nomi sono comparsi sulle etichette di molti prodotti da forno; questi, poi, merendine e biscotti devono essere rigorosamente integrali per soddisfare le esigenze di un numero crescente di consumatori e magari arricchiti con i betaglucani dell’avena.

E tutto questo prestando estrema  attenzione al confezionamento, che deve essere il più possibile sobrio, fatto di materie prime riciclate (carta soprattutto), da cui la plastica fatta di petrolio deve essere bandita e sostituita da materiali derivati dai cereali: sono troppi, ormai, coloro che conoscono l’impatto degli interferenti endocrini sulla nostra salute e che preferiscono spendere un po’ di più anche per il sale da cucina, ricorrendo a quello delle miniere di salgemma, che  risalgono ad ere geologiche passate e che per questo non sono contaminate dalla plastica.

Nei prossimi anni questi cambiamenti saranno ancora più diffusi e condivisi e si tornerà  ad apprezzare un’alimentazione basata su prodotti naturali, locali, legati alle stagioni, cucinati in maniera poco elaborata, che non compromettano troppo le risorse idriche ed il  precario equilibro dei nostri campi e dei nostri mari: ridurremo la quantità degli alimenti nei nostri carrelli della spesa, gettando meno cibo nei cassonetti, ma pretenderemo tutti che la qualità di ciò che mangiamo sia sempre più elevata: grandi opportunità di mercato si aprono a coltivatori ed allevatori avveduti”.

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.