Riflessione e proposta nei giorni dell’epidemia: da Pupi Avati un appello ai MEDIA per la crescita culturale

In questi giorni, con momenti di speranza alternati a preoccupazione e dolore, è importante sottolineare il ruolo che i media stanno interpretando. A uno di essi, la televisione, così importante nella vita di tanti italiani soprattutto non più giovani, si rivolge la riflessione e proposta di un grande regista e scrittore, Pupi Avati.

La vogliamo pubblicare integralmente, così come l’abbiamo ricevuta, sicuri che in molti ne sapranno trarre uno spunto, una scintilla o semplicemente un ricordo, in grado di rendere migliore la giornata, di aiutarci – anche attraverso la creazione di un personale palinsesto delle nostre ore davanti a ogni tipo di schermo – a “trovare un senso in questi giorni di tempo sospeso”.

Riflessione e proposta
E piango e rido davanti alla televisione come piangono e ridono i vecchi ,che è poi come
piangono e ridono i bambini, cercando di fare in modo che mia moglie non se ne accorga.
Fra i tanti che se ne sono andati un mio amico, Bruno Longhi, grande clarinettista
milanese, che il coronavirus ha portato via senza tener conto della sua bravura, di come
suonava Memories of you, meglio di Benny Goodman . E’ il primo periodo della mia vita in
cui anziché abbracciare vorrei essere abbracciato. Mi manca persino quella specie di
bacio notturno con il quale auguro la buonanotte a mia moglie e che lei giustamente mi ha
vietato. Dormo di più la mattina, nel silenzio profondo ,cimiteriale di una città morta ,
appartengo anagraficamente alla categoria di quelli più svelti a morire .
Ma in questo sterminato silenzio , che è sacro e misterioso e che ci fa comprendere la
nostra pochezza, la nostra vigliaccheria , ci commuove la consapevolezza dei tanti che
stanno mettendo a repentaglio le loro vite per salvarci.
E questo stesso silenzio sarebbe opportuno per i tanti che destituiti di ogni competenza
specifica continuano a sproloquiare saltapicchiando da un programma all’altro privi di ogni
pudore , di ogni senso del limite. Coloro che con tanta solerzia, con tanta supponenza, ci
hanno accompagnato nel corso degli ultimi decenni appartengono al Prima del
Coronavirus, quando era possibile il cazzeggio. Ora, se usciremo da questa esperienza,
dovremo farne tesoro, dovremo trovare un senso a quello che è accaduto , soccorrendo
le tante famiglie di chi ha pagato con la vita, aiutando a superare le difficoltà enormi,
spesso insormontabili, nelle quali si troveranno i più, impegnandoci tutti a sostituire il dire
con il fare, come accadde dopo la liberazione.
Quello che provo somiglia a quando al cinematografo negli anni cinquanta si rompeva la
pellicola e accadeva che venivi scaraventato fuori da quella storia che era stata capace di
sottrarti allo squallore del tuo quotidiano. Rottura accolta da un boato di delusione
simultaneo all’accensione improvvisa di luci fastidiose. Me ne restavo seduto, stretto in me
stesso, cercando di tenermi dentro il film , “ dimmi quando ricomincia “ dicevo a mia madre
tenendo gli occhi chiusi e pregando perché quelli su in cabina si sbrigassero a riattaccare
la pellicola. Perché fossi restituito al più presto a quel magico altrove. . Ecco questo tempo
che sto vivendo che non somiglia a niente , è un pezzo della mia vita che vivo con gli
occhi chiusi, in attesa di poterli riaprire
E quel mondo che si sta allontanando ,che non tornerà più ad esserci, che non piaceva a
nessuno, del quale tutti si lamentavano, eppure temo che di quel mondo proveremo una
crescente nostalgia.
E allora mi chiedo perché In questo tempo sospeso, fra il reale e l’irreale, come in assenza
di gravità, i media e soprattutto la televisione e soprattutto la RAI, in un momento in cui il
Dio Mercato al quale dobbiamo la generale acquiescenza alll’Auditel , non approfitti di
questa tregua sabbatica di settimane, di mesi, per sconvolgere totalmente i suoi palinsesti
dando al paese l’opportunità di crescere culturalmente. Perché non si sconvolgono i
palinsesti programmando finalmente i grandi film, i grandi concerti di musica classica, di
jazz, di pop, i documentari sulla vita e le opere dei grandi pittori, dei grandi scultori, dei
grandi architetti , la lettura dei testi dei grandi scrittorii, la prosa, la poesia, la danza,
insomma perché non diamo la possibilità a milioni di utenti di scoprire che c’è altro ,al di là
dello sterile cicaleccio dei salotti frequentati da vip o dai soliti opinionisti. Perché non
proporre quel tipo di programmazione che fa rizzare i capelli ai pubblicitari ! Perché non
approfittiamo di questa così speciale opportunità per provare a far crescere culturalmente
il paese stravolgendo davvero i vecchi parametri, contando sull’effetto terapeutico della
bellezza ? Il mio appello va al Presidente, al Direttore Generale, al Consiglio di
Amministrazione della RAI affinché mettano mano a un progetto così ambizioso e
tuttavia così economico. Progetto che ci faccia trovare , quando in cabina finalmente
saranno stati in grado di aggiustare la pellicola, migliori, più consapevoli di come eravamo
quando all’improvviso si interruppe la proiezione . E potremo allora riaprire gli occhi.
Pupi Avati

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.