Cibi lavorati (in inglese processed food), piatti pronti, alimenti confezionati: ovunque sentiamo dire che andrebbero limitati. Ma siamo sicuri di sapere cosa sono? E che effetti provocano sulla salute?

Cibo lavorato e “ultra lavorato”: che cos’è

Un cibo non lavorato è un alimento in cui le vitamine e tutti gli elementi nutritivi sono ancora intatti: un alimento, cioè, che consumiamo nella sua forma naturale, o quasi. Una minima manipolazione può essere necessaria, ad esempio, per eliminare le sue parti non edibili, oppure ancora per renderne possibile il consumo o la conservazione. In questa categoria rientrano gli alimenti che vengono essiccati, sminuzzati, arrostiti, bolliti, congelati o pastorizzati. Per fare alcuni esempi: le carote, le mele, il pollo crudo, la frutta secca e i semi non salati.

Esistono poi dei processi che modificano lo stato naturale di un alimento. Ad esempio, l’aggiunta di sale, olio, zucchero o altre sostanze. Tra gli alimenti che subiscono questi processi vanno ricordati il pesce o la verdura in scatola, la frutta sciroppata. La maggior parte del cibo che troviamo già confezionato contiene due o tre ingredienti.

Alcuni cibi ancora, invece, sono maggiorente lavorati e contengono molti più ingredienti aggiunti come zucchero, sale, grassi, coloranti artificiali e conservanti. La maggior parte contiene sostanze estratte da altri alimenti, come amidi, grassi, zuccheri e grassi idrogenati. Possono contenere anche additivi come coloranti e aromi artificiali o stabilizzanti. Un esempio sono i piatti pronti surgelati, le bevande gassate, i wurstel e gli affettati, i biscotti confezionati, le torte e gli snack salati.

Secondo uno studio pubblicato sul BMJ, i cibi altamente lavorati sono la maggiore fonte di calorie nella dieta degli americani (58%), e contribuiscono a quasi il 90% dell’energia che proviene dagli zuccheri aggiunti.

Cibi lavorati: che effetti hanno sulla salute?

Un recente studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism ha confrontato gli effetti – in termini di introito calorico e aumento di peso – di un’alimentazione ricca di cibi lavorati con quelli di una dieta a base di cibi non trattati. Lo studio ha coinvolto 20 adulti sani in sovrappeso, in una struttura adibita appositamente. Ogni partecipante allo studio ha seguito una dieta ricca di cibi lavorati per 14 giorni, seguiti da 14 giorni in cui la dieta era ricca di alimenti naturali, non lavorati. In ognuna delle due fasi, i soggetti avevano a disposizione tre pasti al giorno, e potevano mangiare quanto volevano. Il tempo a disposizione per ogni pasto era di 60 minuti; durante la giornata venivano messi a disposizione degli snack (naturali o lavorati, a seconda della fase corrispondente).

I pasti erano equivalenti in termini di calorie totali, contenuto in grassi, carboidrati, proteine, fibre, zuccheri e sodio. La grande differenza era la fonte delle calorie: nella dieta con alimenti lavorati, l’83,3% delle calorie veniva da cibi lavorati; in quella a base di alimenti naturali, erano questi alimenti a fornire l’83,3% delle calorie totali.

I ricercatori hanno scoperto che i soggetti consumavano circa 500 calori in più al giorno durante la dieta a base di alimenti lavorati, rispetto a quella a base di alimenti non lavorati. Nel primo periodo, infatti, si registrava un aumento nell’assunzione di carboidrati e grassi, ma non di proteine. Il peso dei partecipanti aumentava in media di circa 1 chilo durante la dieta a base di alimenti lavorati, chilo che nella dieta successiva a base di prodotti naturali venivano persi. Le conclusioni dei ricercatori sono state che limitare i cibi confezionati possa essere una strategia efficace per prevenire e per trattare l’obesità.

Lo studio esaminato ha, in effetti, dei limiti. Erano coinvolti solo 20 partecipanti, questo significa uno studio molto piccolo. Inoltre, la reazione individuale alle due diete registrava delle significative differenze. Undici persone avevano preso molto peso durante la dieta con prodotti confezionati – fino a 6 chili in 14 giorni – mentre una piccola parte di partecipanti non ha avuto nessun aumento di peso. Non è chiaro, inoltre, come questi risultati possano estendersi alla popolazione generale, perché lo studio non ha incluso persone con patologie croniche come il diabete o le malattie cardiovascolari. Inoltre, è stato svolto in ambiente protetto, e questo può aver influenzato il comportamento alimentare dei soggetti – che potrebbero essersi sentiti isolati o annoiati, rispetto al loro ambiente naturale.

Un altro studio, pubblicato sul BMJ, ha esaminato le abitudini alimentari di oltre 10.000 francesi adulti lungo cinque anni. I ricercatori hanno scoperto che chi consumava alimenti lavorati aveva un rischio di malattie cardiovascolari e malattie cerebrovascolari più alto. Questi risultati restano statisticamente significativi anche dopo che i ricercatori hanno aggiustato la qualità nutrizionale della dieta (considerando fattori quali il quantitativo di grassi saturi, sodio, zucchero e fibre). Anche se gli studi osservazionali non sono dimostrazione di causa-effetto, la ricerca suggerisce un’associazione tra diete ricche di prodotti lavorati e malattie cardiovascolari.

Impariamo a capire quali sono i cibi lavorati

Se possibile, occorre evitare o limitare i cibi molto lavorati. Consideriamo gli esempi in questa tabella per aiutarci a capire se un alimento è minimamente, lavorato o ultra-lavorato.

Minimamente lavorato Lavorato Ultra-lavorato
Mais Mais in scatola Chips di mais
Mela Succo di mela Torta di mele pronta
Patata Patate al forno Patatine fritte
Carota Succo di carota Torta di carote pronta
Grano Farina Biscotti

Fonte: Harvard Medical School

Guarda anche:

Related Posts

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Avvertenze e Privacy
  • Google Analytics

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il CEMAD è il centro per le malattie digestive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.cemadgemelli.it.

Avvertenze

Il CEMAD precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il CEMAD compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del CEMAD.

In particolare, il CEMAD non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il CEMAD si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il CEMAD si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del CEMAD, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il CEMAD non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.